Home

2021 – Incontro dei reduci di Italair in Israele

admin-italair

E’ previsto per l’autunno del 2021 l’annuale raduno dei reduci del Raggruppamento Elicotteri ITALAIR di stanza in Libano in ambito UNIFIl dal Luglio del 1979 che si dovrebbe tenere in Israele.Dopo la celebrazione del quarantennale che si è svolto in terra libanese, nel 2020 l’incontro non si è potuto realizzare causa restrizioni covid. Nel 2021, come ipotizzato durante il viaggio…

UNIFIL ( e l’Italia) da “super partes” a forza militare di “parte” libanese ?

admin-italair

Da tempo funzionale agli interessi economici, sociali e militari di Hezbollah che è il vero padrone del Sud Libano (e non solo), UNIFIL appare definitivamente adagiata  senza veli dalla parte libanese.La trasformazione da forza di interposizione a forza militare schierata a difesa del Libano si legge tra le righe dal post dello stesso GHQ di Naqoura. Il 5 Febbraio in…

ITALAIR ANTHOLOGY

admin-italair

ITALAIR RACCONTATA DALLA PENNA DI ANTIOCO PIRAS Di seguito la prefazione ad opera dell’Autore “Il libro intende ripercorrere la storia dello squadrone elicotteri italiano che opera nel sud del Libano dal 1979. Attraverso la raccolta di documenti, interviste, testimonianze e fotografie, organizzata cronologicamente,  vengono riassunte le attività e gli avvenimenti principali di questi quarant’anni. Un capitolo introduttivo sintetizza il percorso…

“AUGURI ITALAIR”

admin-italair

“GENTE DI ITALAIR” di Federica Di Gion Testo scritto esattamente un anno fa mentre mi trovavo a Naqoura in occasione del meraviglioso 40° di ITALAIR. 1979-2019 una data come tante ma non per tutti, per i Soldati del Contingente Italiano a UNIFIL, Naqoura – Libano e le loro famiglie, un Compleanno importante. I primi 40 anni di una Missione, la…

Consegnati i primi materiali medicali all’Ospedale degli Alpini

admin-italair

I militari in servizio e della riserva, veterani di ITALAIR,  il gruppo di volo interforze dispiegato in Libano dal 1979 in ambito UNIFIL, hanno attivato una raccolta fondi a favore degli amici Alpini che hanno realizzato a Bergamo un ospedale da campo per dare supporto agli ospedali civili.
Vista l’emergenza, si è pensato di operare in fasi d’avanzamento. Ovvero, considerato il problema grave del reperimento del materiale sanitario, ogni qual volta si riesce a reperire materiale, ci si attiva per l’acquisto e la successiva consegna.
Il 1° di Aprile, sono stati consegnati all’Ospedale, che ha base operativa presso il 3° Reggimento Sostegno AVES “Aquila”, a Orio al Serio,  i primi 10 ventilatori polmonari e tecnici hanno tenuto un corso di istruzione all’uso.
Giorno 3,  sono stati acquistati e consegnati due apparati di dosimetria che vanno ad integrare i dieci ventilatori rendendoli ancora più efficienti perché consentono di monitorare (anche da remoto) battito cardiaco e saturazione di ossigeno nel sangue.
Stamani, saranno consegnati 10 maschere antidecubito reperite in Francia e giunte a Bergamo in nottata.
La raccolta fondi,  che continua ad oltranza, è stata attivata dal gruppo veterani ITALAIR, con l’aiuto dell’Associazione Nuovi Spazi al Servire e con il coordinamento del collega Franco Sammaciccia, generale della riserva e coordinatore di tutta l’operazione, ma vi partecipano anche i militari attualmente dispiegati in teatri di operazione, e i soci dell’Anae, l’Associazione Nazionale Aviazione dell’Esercito.
I militari ci sono, e continueranno il loro sostegno fino al termine dell’esigenza.
Ms

COVID-19. L’Esercito interviene a tutela del personale: smart working e servizio a disposizione a domicilio

admin-italair

L’emergenza Covid-19 è ovviamente entrata nel sistema militare e le Forze Armate mettono in atto disposizioni per garantire la sicurezza del personale e delle loro famiglie. E’ di ieri 16 Marzo, la notizia che il Ca. di Stato Maggiore Esercito, Gen. C.A. Salvatore Farina, ha disposto che il personale potrà essere messo nella posizione di smart working su richiesta dell’interessato,…

«Non sarà un compito facile per le nostre forze di pace» Il tenente colonnello Scalisi: «La situazione è sempre tesa sulla “linea blu”, dovremo affrontare una dose di rischi»

admin-italair

Veterano della Bosnia, del Kosovo e dell’Irak, il tenente colonnello Salvatore Scalisi, è l’ufficiale italiano più alto in grado della missione Onu nel sud del Libano fino all’imminente sbarco del nuovo contingente tricolore. Ufficiale di cavalleria, che si è fatto le ossa sul vecchio confine di Trieste durante la guerra fredda, è poi diventato pilota di elicotteri. Baffi ben curati,…